Oro, musica, mercanti & Alla fiera dell’est

Oro, musica, mercanti & Alla fiera dell’est

Clicca qua per vedere il programma di sala del 6 ottobre

30 Settembre – 6 Ottobre 2018

Auditorium Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze

Via Folco Portinari, 5R – Firenze

Oro, Musica e Mercanti

 “Il sodalizio tra Ermes e Apollo”

30 Settembre ore 21:00

Musica Antiqua Maggio Musicale Fiorentino

“Alla fiera dell’Est”

6 Ottobre ore 21:00

Duo “Le Noir”

                                                                                        programma 6 ottobre

Rassegna realizzata in collaborazione con Confesercenti

L’Associazione “Arte & Mercati” è lieta di presentare, in occasione della propria partecipazione all’interno della programmazione dell’Estate Fiorentina 2018, i due concerti che compongono la rassegna “Oro, Musica e Mercanti”, dedicata al legame che da sempre ha visto protagoniste l’arte e la finanza. Un rapporto che ha permesso di creare grazie al mecenatismo, vere e proprie scuole di pensiero, consentendo lo sviluppo delle arti, come la musica, la letteratura e la pittura.

Nel primo concerto della rassegna, intitolato “Il sodalizio tra Ermes e Apollo” in programma il 30 settembre alle ore 21:00, i musicisti del gruppo MUSICA ANTIQUA DEL MAGGIO MUSICALE FIORENTINO eseguiranno in concerto tra i brani dedicati all’argomento del titolo si segnalano in particolare la sonata Tausend Gulden (Mille Fiorini) di Antonio Bertali, la Sonata a Tre in sol minore di Tomaso Albinoni, proveniente da una famiglia di commercianti di carta, e il sorprendente “La Bourse” di George Philipp Telemann, datato 1720, di cui verrà eseguita una selezione. Come curiosità legata alla scelta del brano, lo stesso Telemann cita con grande senso dell’umorismo, la grave crisi economica che si ebbe in quell’anno, causata principalmente dallo scandalo internazionale della famosa “Bolla del Mississipi”, in cui finirono in rovina migliaia di incauti e sfortunati investitori. La scelta del titolo del concerto del 30 settembre, prende ispirazione in parte dal mito del Dio Ermes, a cui si attribuisce l’invenzione della Lira a 9 corde, ricavata da un guscio di tartaruga e in seguito donata ad Apollo, Dio del Sole, della Bellezza e delle Arti, il quale a sua volta la dona ad Orfeo, capostipite di tutti i musici. Il MUSICA ANTIQUA DEL MAGGIO MUSICALE FIORENTINO sarà composto in questa occasione da Luigi Cozzolino e Anna Noferini al violino, Michele Tazzari al violoncello, Gianluca Lastraioli alla tiorba e alla chitarra barocca e da Chiara Cattani al clavicembalo.

Programma:

Claudio Monteverdi – Chiome d’oro per 2 violini e continuo dal VII Libro (1619)

 

Tarquinio Merula – Canzon detta La Treccia dal III Libro (1637)

 

Andrea Falconieri –  La Diamantina a 3 dal I Libro (1650) – Passacalle

 

Antonio Bertali – Sonata Taüsend Gülden a 3 (ante 1669)

 

Arcangelo Corelli – Ciaccona op. II n°12 (1685)

 

Tomaso Albinoni – Sonata a 3 Op. I n°4 in sol minore (1694)

 

Henry Purcell Sonata IX in four parts “Golden Sonata” (1697)

 

Georg Philipp Telemann – da La Bourse (1720) riduzione di Luigi Cozzolino – Ouverture

 

Le répos interrompu

 

L’esperance du Mississipi

 

Antonio Vivaldi – La Follia (1703)

 

Il secondo concerto della rassegna “Oro, Musica e Mercanti”, intitolato “Alla fiera dell’Est – Musica e strumenti nell’era della globalizzazione” in programma il 6 ottobre alle ore 21:00, vede invece come protagonista l’interpretazione degli scambi e del valore della moneta in tempi moderni. La chiave di lettura è offerta dal dinamico duo “Le Noir”, composto da Valentina Pecchioni alla voce e pianoforte e da Simona Liguori al violino, che attraverso l’esecuzione di cover di Mina, Mattia Bazar, Branduardi, Conte e Mango, insieme ad una selezione di brani inediti, ripercorreranno le idee e le trasformazioni economiche, trasposte in ottica musicale e artistica. “Le Noir” sono un progetto editoriale/musicale molto coeso e unico nel suo genere. Un duo di ragazze nato da un’idea di Tania Montelpare ed Elisabetta Agonigi che è anche protagonista di un fumetto intitolato “SUITE N.6”edito da ERASMO con disegni di Laura Tedeschi, distribuito nelle librerie Feltrinelli di tutta Italia. Nel vestire un look Streampunk/Manga, le ragazze uniscono musicalità moderne ad incursioni classiche, descrivendo nei testi dei loro inediti, realtà attuali con parole semplici e una teatralità quasi cabarettistica.

I concerti sono ad ingresso gratuito. L’accesso all’Auditorium Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze è consentito nei limiti dei posti previsti ai sensi della normativa in materia di sicurezza. Per entrambi gli eventi è consigliato prenotarsi al numero 371/3553669 chiamando o mandando un messaggio dalle ore 10:00 alle ore 14:00.

I concerti della rassegna “Oro, Musica e Mercanti”  organizzati dall’Associazione “Arte & Mercati” in programma il 30 Settembre e il 6 Ottobre 2018, alle ore 21:00 saranno introdotti da un approfondimento storico sull’evoluzione del commercio e della storia della moneta, nel suo passaggio da mezzo di pagamento cartaceo a strumento sempre più elettronico, fino al recente sviluppo del Bitcoin, a cura di Cesare Grifoni.

L’Associazione culturale “Arte & Mercati” si presenta come una realtà presente da molto tempo nel panorama musicale fiorentino con iniziative culturali che dal 2009 hanno lo scopo di promuovere l’arte e la cultura attraverso l’organizzazione di festival, rassegne, concerti ed eventi nelle principali location e mercati storici della città di Firenze. Già dal 2012 l’Associazione ha organizzato importanti ed originali concerti in occasione della festa dell’Annunciazione coincidente con l’inizio dell’anno fiorentino, presso la Basilica della SS. Annunziata, in collaborazione con le realtà del CORO ED ORCHESTRA DESIDERIO DA SETTIGNANO, con il CORO DELL’UNIVERSITA’ DÌ FIRENZE e l’ORCHESTRA DEL CONSERVATORIO CHERUBINI di Firenze, arricchite dalla partecipazione straordinaria di personalità e rappresentanti del mondo della cultura.

Nel 2017 con l’ensemble del MUSICA ANTIQUA DEL MAGGIO MUSICALE FIORENTINO guidato da Luigi Cozzolino, Direttore Artistico e Vicepresidente di “Arte & Mercati”, ensemble specializzato in musica antica è stato organizzato presso la sede del Palazzo del Gonfalone, il concerto “Il salotto musicale tra Granducato e Regno d’Italia”, tenutosi in occasione delle celebrazioni dell’ indipendenza della Toscana, promosse dal Consiglio Regionale della Toscana.

Alla fine del 2017 l’Associazione “Arte & Mercati” ha organizzato la serie dei quattro concerti intitolata “DAI LUOGHI DEI SIGNORI DEL MUGELLO -Musica cibo e buone maniere” nata da un progetto originale di musica e teatro, che ha visto coinvolti i Comuni di Barberino del Mugello, di Scarperia – San Piero a Sieve, vantando il Patrocinio di Città Metropolitana di Firenze e della Regione Toscana e la partecipazione straordinaria dell’ attore Alesssandro Riccio.

Nel 2018 presso Palazzo Bastogi a Firenze, l’Associazione “Arte & Mercati” ha organizzato due Concerti dedicati alla “Celebrazione dell’ Indipendenza Toscana” e del “Capodanno Fiorentino” con la compartecipazione del Consiglio della Regione Toscana.

Ufficio Stampa “Arte & Mercati” 2018

Simone Teschioni

Cell. 346.5191159

simone.teschioni@gmail.com

ufficiostampa@artemercati.it

Il Salotto Musicale tra Granducato e Regno d’Italia

Il Salotto Musicale tra Granducato e Regno d’Italia

Mercoledì 2 Maggio 2018

Sala delle Feste in Palazzo Bastogi

Via Cavour, 18 – Firenze

 

“Il Salotto Musicale tra Granducato

e Regno d’Italia”

Seconda Edizione

 

Con la compartecipazione del Consiglio Regionale della Toscana,

nell’ambito delle celebrazioni dell’indipendenza della Regione Toscana

 

“Un pensiero per Rossini”

(nel 150 anniversario della morte)

 

 

Il 2 Maggio 2018 alle ore 16:00 si rinnova l’appuntamento con l’Associazione “Arte & Mercati”, che in occasione delle celebrazioni dell’anniversario dell’indipendenza della Toscana del 1859, organizza presso la “Sala delle Feste” di Palazzo Bastogi, in via Cavour n.18 Firenze, la seconda edizione del “Salotto Musicale tra Granducato e Regno d’Italia”, portando in scena il concerto intitolato “Un pensiero per Rossini”.

L’esibizione vede in programma una selezione di musiche di Mauro Giuliani (1781-1829) e Niccolò Paganini (1782-1840), eseguite alla chitarra e al violino dai musicisti Donato D’Antonio e Roberto Noferini. Il concerto, nato grazie alla compartecipazione del Consiglio Regionale della Toscana vuol essere un vero e proprio omaggio a Rossini, celebrando in occasione del 150esimo anniversario della morte del compositore italiano, un profondo legame non solo con il periodo storico in cui l’indipendenza della Regione Toscana si inserisce, ovvero l’Ottocento con la formazione il 27 aprile del 1859 di un Governo provvisorio, sviluppatosi poi nel successivo passaggio della sovranità dal Granducato di Leopoldo II al Regno di Sardegna, ma collegandosi direttamente anche alla scelta dei brani, che permettono nella loro eleganza, di esaltare i tratti distintivi della musica da “salotto” ottocentesca e risorgimentale italiana, ovvero l’Opera, e insieme mettere in luce la trascrizione popolare e il virtuosismo strumentale.

 

Il concerto organizzato dall’Associazione “Arte & Mercati” in programma il 2 Maggio 2018, inizierà alle ore 16:00 con una visita guidata alle sale monumentali di Palazzo Bastogi, seguirà alle ore 16:30 un’introduzione storica e un saluto inaugurale da parte del Presidente del Consiglio Regionale della Toscana, Eugenio Giani, per poi lasciare spazio alle 16:45 all’esibizione dei musicisti.

 

 

Programma:

 

  1. Giuliani: Grande Sonata op. 85

 

  1. Paganini: Sonatina op.3 n. 6 in mi minore

 

  1. Paganini: Sonata Concertata

 

  1. Paganini: Capriccio 24 per violino solo

 

  1. Paganini: Ghiribizzi dedicati a Rossini per chitarra sola

 

  1. Paganini: Variazioni sulla quarta corda sopra temi dal Mosè di Rossini

 

 

Il Concerto è ad ingresso gratuito. L’accesso alla “Sala delle Feste” di Palazzo Bastogi sarà consentito nei limiti dei posti previsti ai sensi della normativa in materia di sicurezza

 

 

 

Biografie:

 

L’Associazione culturale “Arte & Mercati” si presenta come una realtà presente da molto tempo nel panorama musicale fiorentino con iniziative culturali che dal 2009 hanno lo scopo di promuovere l’arte e la cultura attraverso l’organizzazione di festival, rassegne, concerti ed eventi nelle principali location e mercati storici della città di Firenze. Importanti ed originali sono i concerti organizzati in occasione della festa dell’Annunciazione coincidente con l’inizio dell’anno fiorentino, presso la Basilica della SS. Annunziata, in collaborazione con le realtà del CORO ED ORCHESTRA DESIDERIO DA SETTIGNANO, con il CORO DELL’UNIVERSITA’ DÌ FIRENZE e l’ORCHESTRA DEL CONSERVATORIO CHERUBINI di Firenze. Note sono anche le iniziative culturali come la rassegna “Mercati in Musica”, da sempre presente all’interno del panorama dell’Estate Fiorentina e i concerti eseguiti in occasione delle celebrazioni dell’indipendenza della Regione Toscana, intitolati “Salotto Musicale tra Granducato e Regno d’Italia” eseguiti nelle sontuose location di Palazzo del Pegaso e Palazzo Bastogi. Da molti anni l’Associazione “Arte & Mercati” si avvale della collaborazione artistica dei i musicisti del gruppo MUSICA ANTIQUA DEL MAGGIO MUSICALE FIORENTINO.

 

Donato D’Antonio chitarrista eclettico, ha eseguito concerti come solista e con formazioni cameristiche stabili in sale da concerto e teatri in tutta Europa, USA, Giappone, Sud America Canada ed Estremo Oriente, in occasione di festival, eseguendo prime assolute in rassegne di musica contemporanea e importanti stagioni concertistiche. E’ componente delle formazioni Open Quartet, Tango Tres e Grupo Candombe, si esibisce stabilmente in duo con il violinista Roberto Noferini, il flautista Vanni Montanari, il chitarrista TiiT Peterson. Collabora regolarmente con molti compositori contemporanei fra i quali: Rene Eespere, Shafer Mahoney, Azio Corghi, Martin Queralto, Paolo Geminiani. Ha più volte eseguito per Rai Radio tre prime esecuzioni e ha pubblicato Cd per le etichette Mobydick, ERP, Borgatti, Materiali Sonori, RMN.

Roberto Noferini, diplomato al Conservatorio Verdi di Milano e si è poi perfezionato con Arthur Grumiaux, Salvatore Accardo, altri Maestri e, per la musica da camera, con Dario De Rosa. Al suo debutto a soli 12 anni al Teatro Comunale di Bologna ha fatto seguito un’intensa attività concertistica che lo ha portato ad esibirsi in prestigiosi festival e per importanti istituzioni. Ha vinto numerosi primi premi e premi speciali in importanti concorsi internazionali, segnalato da numerose critiche come uno dei più brillanti violinisti della sua generazione, ha suonato in veste di solista alcuni dei principali concerti per violino e collabora in formazioni cameristiche con B. Canino, S. Accardo, M. Quarta, I. Faust, C. Rossi, e molti altri. Affronta il repertorio barocco e classico con violino e arco d’epoca in duo con Chiara Cattani (clavicembalo/fortepiano) e con la sorella ed il fratello suona in Trio in omaggio al padre Giordano, compositore, direttore d’orchestra e figura di spicco nel mondo musicale bolognese. È docente della cattedra di violino presso il Conservatorio Claudio Monteverdi di Cremona ed insegna al Corso di Perfezionamento Violinistico estivo di Castrocaro, inoltre è stato insignito dell’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine di S. Agata dalla Repubblica di S. Marino per alti meriti artistici e culturali. Suona un violino Giuseppe Scarampella ex-Bazzini del 1865.

 

 

 

 

Ufficio Stampa “Arte & Mercati” 2018

Simone Teschioni

Cell. 346.5191159

simone.teschioni@gmail.com

ufficiostampa@artemercati.it

Festeggiamenti per il Capodanno alla Corte Granducale

Festeggiamenti per il Capodanno alla Corte Granducale

Martedì 3 Aprile 2018

Sala delle Feste in Palazzo Bastogi

Via Cavour, 18 – Firenze

 

Festeggiamenti per il Capodanno

alla Corte Granducale

 

Con la compartecipazione del Consiglio Regionale della Toscana,

nell’ambito delle celebrazioni del Capodanno Fiorentino

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ATTTENZIONE a causa di un refuso il nome corretto del gruppo che eseguirà il concerto è MUSICA ANTIQUA FIRENZE

L’Associazione “Arte & Mercati” è lieta di presentare in occasione delle celebrazioni del Capodanno Fiorentino, il concerto eseguito a cura dei musicisti del gruppo MUSICA ANTIQUA DEL MAGGIO MUSICALE FIORENTINO, che si terrà in data 3 Aprile 2018 alle ore 16:30 presso la sontuosa Sala delle Feste di Palazzo Bastogi in Firenze. L’evento nato grazie alla compartecipazione del Consiglio Regionale della Toscana, ha lo scopo di mettere insieme musiche ed ambienti di epoche diverse, ognuna con un preciso collegamento alla Corte Granducale toscana, che negli anni del passaggio dalla famiglia Medici alla famiglia Lorena, ha vissuto una vera e propria rinascita culturale.

 

I musicisti del MUSICA ANTIQUA DEL MAGGIO MUSICALE FIORENTINO eseguiranno in concerto musiche di brani selezionati dal M° Luigi Cozzolino, frutto di una ricerca e di uno studio su alcuni autori che dura da molti anni. Tutti i brani del programma, scelti tra le produzioni di compositori noti e meno noti, sono tratti da preziosi esemplari giacenti presso Archivi Storici di Biblioteche Musicali, Conservatori, Istituti di cultura e Enti situati in Italia e all’estero. I brani musicali richiamano tutti con le loro armonie, allo spirito e alle celebrazioni che erano solite tenersi alla Corte del Granducato di Toscana in occasione dei festeggiamenti del Capodanno Fiorentino e appartengono ad autori vissuti sia al tempo della famiglia Medici, che ad autori contemporanei ai Lorena. Molte sono le curiosità legate ad alcuni di questi musicisti che animano il programma del concerto, come ad esempio quelle relative ai compositori toscani P.Sanmartini, A.Veracini e Girolamo Frescobaldi, ferrarese, il cui brano “Canzon Terza a due canti e basso” del 1634, fu in origine dedicato proprio al Granduca Ferdinando II, alla cui Corte rimase prestando servizio per ben sei anni. Altrettanto interessanti sono gli aneddoti legati ai compositori stranieri come J.P.Rameau, il cui nome si lega a quello di Voltaire, amico e conoscente e come non citare Charles Antoine Campion, lorenese di nascita, musicista molto stimato negli ambienti e nei salotti culturali dell’epoca, tanto che lo stesso Presidente degli Stati Uniti Thomas Jefferson, possedeva una collezione di musica dell’autore, naturalizzato italiano e conosciuto poi con il nome di Carlo Antonio Campioni.

 

Il Concerto è ad ingresso gratuito. L’accesso alla “Sala delle Feste” di Palazzo Bastogi è consentito nei limiti dei posti previsti ai sensi della normativa in materia di sicurezza.

Il concerto organizzato dall’Associazione “Arte & Mercati” in programma il 3 Aprile 2018, presso Palazzo Bastogi, alle ore 16:30 sarà introdotto da un saluto del Presidente del Consiglio Regionale della Toscana, Eugenio Giani.

 

 

Programma:

 

  1. Frescobaldi Canzon Terza a due canti e basso” (1634);

 

  1. B. Vitali Sonata a Tre Op. II n° 7” (1667);

 

  1. Corelli –Ciacona Op. II n° 12” (1685);

 

  1. Sanmartini – “Sinfonia Quinta in la min.” (1688);

 

  1. Veracini – Sonata a Tre Op. I n° 3 in Sol magg.” (1692);

 

  1. Albinoni – Triosonata Op. 1 n° 3 in La magg.” (1693);

 

  1. P. Rameau Cinquieme Piece de clavécin en concert” (1741);

 

  1. A. Campioni – Triosonata in Re magg.” (1770);

 

 

I brani presenti all’interno del programma, saranno introdotti dal M°Luigi Cozzolino. I componenti del Musica Antiqua del Maggio Musicale Fiorentino possiedono una lunga esperienza nel campo della Musica Antica, avendo collaborato con i gruppi più noti del settore fra i quali citiamo Europa Galante, I Barocchisti, Homme Armè, Accademia degli Astrusi, Auser Musici, Il Rossignolo, Nova Ars Cantandi, Accademia degli Invaghiti, Ricercare Ensemble, L’Eloquenza.

 

L’Associazione culturale “Arte & Mercati” si presenta come una realtà presente da molto tempo nel panorama musicale fiorentino con iniziative culturali che dal 2009 hanno lo scopo di promuovere l’arte e la cultura attraverso l’organizzazione di festival, rassegne, concerti ed eventi nelle principali location e mercati storici della città di Firenze. Già dal 2012 l’Associazione ha organizzato importanti ed originali concerti in occasione della festa dell’Annunciazione coincidente con l’inizio dell’anno fiorentino, presso la Basilica della SS. Annunziata, in collaborazione con le realtà del CORO ED ORCHESTRA DESIDERIO DA SETTIGNANO, con il CORO DELL’UNIVERSITA’ DÌ FIRENZE e l’ORCHESTRA DEL CONSERVATORIO CHERUBINI di Firenze, arricchite dalla partecipazione straordinaria di personalità e rappresentanti del mondo della cultura.

 

 

Ufficio Stampa “Arte & Mercati” 2018

Simone Teschioni

Cell. 346.5191159

simone.teschioni@gmail.com

ufficiostampa@artemercati.it

 

“Musica, vino, cibo squisito e … buone maniere”

“Musica, vino, cibo squisito e … buone maniere”

con il patrocinio: 

Regione Toscana, Città metropolitana di Firenze, Comune di Barberino di Mugello, Comune di Scarperia e San Piero

 

 

Dal civismo e dalla diversità l’evoluzione del cibo e della musica. Una carrellata storico-musicale sul cibo come forte elemento di identità ed interazioni, contaminazioni e mescolanze di usi ed abitudini tra diverse tradizioni e culture. Note introduttive: Civismo, rispetto della persona e buone maniere.  Il termine galateo definisce l’insieme di norme comportamentali con cui si identifica la buona educazione: è un codice che stabilisce le aspettative del comportamento sociale, la norma convenzionale. Monsignor Dalla Casa quindi non scrisse un fatuo libriccino per insegnare le “belle maniere”, ma un vero e proprio trattato di pedagogia, di estetica e di morale. Un trattato quindi che insegna come le buone maniere siano un segno di un profondo rispetto degli altri e non solo una pura forma esteriore. Diversità ed evoluzione dell’alimentazione.   Il termine “globalizzazione” descrive un processo che investe la politica, l’economia, la salute, i consumi e ci ha permesso di avvicinare più facilmente le altre culture anche attraverso il cibo, dando il via a processi di scambio, di contaminazione, di mescolanza di nuovi prodotti e abitudini alimentari; bisogna quindi comprendere anche le interazioni tra queste tradizioni e quelle delle altre culture. Musica e cibo:  L’uso di accompagnare banchetti e simposi con musiche è attestato fin dai tempi degli Egizi, degli Ebrei, dei Greci e dei Romani. La tradizione, che perdura nel corso del Medioevo, si rinvigorisce a partire dal XV secolo in tutta Europa dove la tavola diventava la colta occasione per discutere argomenti cruciali dell’attualità o della morale che altrimenti non avrebbero potuto trovare altra modalità pubblica di discussione consentita. Territorio coinvolto: Il territorio del Mugello è caratterizzato da una precisa identità storico-culturale, dalla presenza di istituzioni di livello attive nel settore culturale, da logiche territoriali diverse (la religione, l’arte, il patrimonio ambientale, la cultura del cibo, la storia…ecc) e da proposte attrattive indirizzate a vari target turistici. Ancora oggi nel Mugello la gastronomia ha una grande importanza e molte aziende hanno una produzione di altissimo livello con caratteristiche di spiccata tipicità; nella zona hanno sede importanti fattorie e vigneti ed allevamenti di bestiame specializzati, anche, nella produzione del latte di qualità (vedi Via del Latte).

 

PROGRAMMA Introduzioni, interpretazioni, letture e commenti su letture tratte dal “Galateo overo de’ costumi” scritto nel 1548 da Monsignor Della Casa e dal testo gastronomico “La scienza in cucina e l’Arte di mangiar bene” scritto nel 1891 da Pellegrino Artusi    Novembre Giovedì 16  e  Domenica 26 ore 21.00 CASTELLO DI BARBERINO DEL MUGELLO (Castello Cattani)

Dicembre Venerdì 8 ore 21.00 VILLA  ADAMI-LAMI  A SAN PIERO A SIEVE

Martedì 12 ore 21.00 PALAZZO DEI VICARI A SCARPERIA  

Temi: Rinascimento e Modernità: Monsignor Dalla Casa Splendori a tavola: il Granduca Ferdinando II de’ Medici  Legami con la Francia: Madame de Pompadour  L’Opera a tavola: Pellegrino Artusi Introduzione ed appunti musicali del M° Luigi Cozzolino Musiche di: Giorgio Mainerio (1535-1582), Giovanni Gabrieli (1557-1612), Girolamo Frescobaldi (1583-1643), Giovanni Battista Vitali (1632-1692), Jean Philippe Rameau (1683-1764) e Gioacchino Rossini (1792-1868)   Musica Antiqua del Maggio Musicale Fiorentino   Interpretazioni, letture e racconti: Alessandro Riccio   ***********  

GLI  ARTISTI: Alessandro Riccio Le sue esperienze formative vanno dalla regia alla recitazione, dalla sceneggiatura al trucco. È patron e ideatore del festival Il Mese Mediceo rassegna di spettacoli, convegni e visite sulla famiglia de’ Medici e la sua storia. Numerose le collaborazioni come attore di prosa. Attraverso spettacoli teatrali basati su eventi della storia italiana e fiorentina, Riccio ha riportato alla luce personaggi più o meno noti del passato come Cesare Lombroso, Gabriele D’Annunzio, Stefano Bardini, Giacomo Puccini, Gioachino Rossini, Gianni Schicchi, Lorenzo il Magnifico, George Bizet, Luigi del Buono (creatore della maschera di Stenterello), Galileo Galilei, Wolfgang Amadeus Mozart, Filippo Brunelleschi, Eusapia Palladino, Giangastone de’ Medici, Luigi XIV di Francia, San Michele Arcangelo utilizzando il mezzo teatrale come strumento di diffusione culturale in senso più ampio e, in tono comico e talvolta dissacrante, riscopre stralci della vita di grandi personaggi del passato.  La caratteristica che contraddistingue il suo stile è la grande versatilità: il lungo studio della relazione espressiva tra corpo e personalità intrapreso negli ultimi anni, gli permette ogni volta di “trasformarsi” letteralmente in un’altra persona. In questo senso può essere definito un esperto di trasformismo.

Musica Antiqua del Maggio Musicale Fiorentino (su strumenti d’epoca) Il Musica Antiqua del Maggio Musicale Fiorentino è l’evoluzione e la continuazione del SEMPERCONSORT, ensemble che possiede una pluridecennale attività concertistica e discografica.  L’ensemble nasce dal desiderio di alcuni membri dell’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino di mettere a disposizione della Fondazione la loro passione per la musica antica, maturata in diversi anni di esperienza in campo nazionale e internazionale. Luigi Cozzolino suona dal 1979 nei Primi Violini dell’Orchestra del Maggio Musicale; la  profonda conoscenza dell’armonia e della Storia della Musica, lo ha portato a firmare diverse revisioni, trascrizioni di brani famosi e le note di sala di numerosi concerti. Dal 2014 è Direttore Artistico e Vicepresidente dell’Associazione “Arte e Mercati”.

Programma di sala

Mercati in Musica – Rassegna 2017

Mercati in Musica – Rassegna 2017

IX° Edizione

L’obiettivo dell’Associazione “Arte e Mercati” è di animare i Mercati (Loggia del Porcellino, Mercato di Sant’Ambrogio ed il nuovo Mercatino delle Pulci) ed il Centro Commerciale Naturale di San Lorenzo a Firenze anche nelle ore notturne e farne un luogo d’incontro, di ricerca ed innovazione. In alcune città europee i mercati restano aperti fino a tardi e diventano sempre di più luoghi di frequentazione turistica, inseriti nelle guide e nei tour tra le mete da visitare proprio per il fascino ed il valore architettonico che esprimono.

Gli edifici che ospitano i Mercati potrebbero essere utilizzati come punto di aggregazione e di promozione turistica, è necessario, quindi, ricreare un nuovo e forte legame tra questi luoghi, gli abitanti e i turisti con iniziative piacevoli ed interessanti al fine di rinnovare l’idea stessa  di “mercato”.

Gli eventi di “Mercati in Musica”, infatti, si tengono nelle zone di mercato al di fuori degli abituali palcoscenici, per incontrare la popolarità e la spontaneità della strada al fine di coinvolgere un  pubblico sempre più ampio.

 

 

“Mercati in Musica – IX edizione” offre 8 spettacoli musicali e di intrattenimento gratuiti di alto livello facendo incontrare generi musicali diversi, creando contaminazioni, forme di espressione nuove, suggestive e coinvolgenti in luoghi di grande interesse storico-artistico a Firenze.

 

Le diverse nazionalità ed età del pubblico hanno fatto si che ogni edizione di “Mercati in Musica” prendesse in esame vari aspetti musicali anche di altri paesi offrendo un panorama musicale vario  che si articola:

 

– Musica classica

– Musica moderna

– Musica popolare ed etnica

 

 

 

 

SETTEMBRE  2017

 

9 settembre – ore 21.30 (data confermata)

LOGGIA DEL PORCELLINO

 

ORCHESTRA GIOVANILE DI FIATI DI GINEVRA (CH)

Fanfare de Veyrier  –   direttore Ferran Gili-Millera

Fondata nel lontano 1881, la Fanfara di Veyrier, piccolo paese del Canton Ginevra, si chiamava inizialmente l’Echo du Salève (ovvero l’eco del Monte Salève), dal nome dell’imponente montagna (situata in Francia) ai piedi del quale è situato il paesino svizzero.  Ad oggi, Veyrier annovera una Scuola di Musica che offre ad una trentina di giovani la formazione musicale per permettergli di sostituire i musicisti più anziani nella Fanfara.

 

L’Ensemble musicale si esibisce regolarmente nel suo comune, animandone tutte le feste e cerimonie, ma ama anche varcare i confini : si è esibito in Ungheria nel 2006, a Nizza nel 2009, a Barcellona nel 2012, in Alsazia nel 2015 ed ora in Toscana.
Il repertorio della Fanfara è composto da brani tradizionali, musiche da film e pezzi da sfilata o marce.

Nato a Barcellona nel 1965, Ferran Gili-Millera entra in Conservatorio all’età di 6 anni, per poi conseguirvi un diploma da chitarrista solista e diversi diplomi di direzione corale, composizione, orchestrazione e pedagogia musicale. Prosegue poi gli studi al Conservatorio di Ginevra e vince diversi concorsi di composizione e di direzione.

Direttore della Fanfare de Veyrier dal 1993 e di tre altri ensemble della regione, continua a comporre opere per coro e per orchestra di fiati, che dirige in giro per l’Europa e che vengono regolarmente trasmesse alla radio.

     

settembre – ore 21.30 (data da stabilire)

LOGGIA DEL PORCELLINO

“Musica ai tempi di Jonathan Swift” (1667-1745)

Gulliver ed i suoi viaggi fantastici nella musica dell’epoca

“I viaggi di Gulliver” è il capolavoro dello scrittore irlandese Jonathan Swift; il libro pubblicato  nel 1726, racconta le disavventure di viaggio in mondi fantastici di Gulliver, ma dietro questa facciata fiabesca si cela il tono satirico e pessimistico dell’autore che, attraverso queste avventure, mette in luce le miserie della natura umana.

I viaggi di Gulliver è un romanzo organizzato secondo una struttura molto semplice, che si ripete analogamente per quattro volte, una per ogni viaggio. In ciascuna delle quattro parti assistiamo all’ingresso del protagonista in una società e un mondo fantastici e sconosciuti. Un viaggio, quindi, nella musica e nella rappresentazione di quattro mondi differenti: dall’ Inghilterra,  dall’ Irlanda, dall’ Italia e dalla Francia del XVII e XVIII secolo.

 

 

MUSICA ANTIQUA DEL MAGGIO MUSICALE FIORENTINO

Maestro di Concerto:  Luigi Cozzolino 

Musiche di: John Jenkins, Matthew Locke, Nicola Matteis, Henry Purcell, Georg Friedrich Haendel, Georg Philipp Telemann, Francesco Geminiani

MUSICA ANTIQUA del MAGGIO MUSICALE FIORENTINO

 

Il Musica Antiqua del Maggio Musicale Fiorentino nasce dal  desiderio di alcuni membri dell’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino di mettere a disposizione della Fondazione la loro passione per la musica antica, maturata in diversi anni di esperienza in campo nazionale e internazionale.

I componenti del Musica Antiqua del Maggio Musicale Fiorentino possiedono una lunga esperienza nel campo della Musica Antica collaborando con i gruppi più noti del settore fra i quali citiamo  Europa Galante, I Barocchisti, Homme Armè, Pro Cantione Antiqua, The Consort of Musicke, Accademia degli Astrusi, Auser Musici, Il Rossignolo, Nova Ars Cantandi, The Harp Consort, Modo Antiquo, Freiburger Barock Orchester.

Fra le case discografiche per cui hanno inciso citiamo Brilliant, Naxos, DHM, Bongiovanni, Sonitus, Nuova era, Deutsche Grammophon, RAI, Dynamic, Stradivarius, Tactus.

 

Luigi Cozzolino – Dopo il diploma di violino  vince concorsi presso il Teatro “La Fenice” di Venezia, il Teatro Regio di Torino e il Teatro Comunale di Firenze, dove suona dal 1979 nei Primi Violini dell’ Orchestra del Maggio Musicale.

 

La  profonda conoscenza dell’armonia e della Storia della Musica, lo hanno portato a firmare diverse revisioni, trascrizioni di brani famosi e le note di sala di numerosi concerti.   Dal 1993 al 2002 è stato Direttore Artistico della rassegna “Musica in Villa” e dal 2014 è Direttore Artistico e Vicepresidente dell’ Associazione “Arte e Mercati”. E’ fondatore del gruppo di musica antica Semperconsort di cui il Musica Antiqua del Maggio Musicale Fiorentino è un’ideale continuazione e sviluppo.

Luigi Cozzolino

settembre – ore 21.15 (data da stabilire)

 

MERCATO   DI   SANT’AMBROGIO

TANGO

 

Il Tango è un pensiero triste che si balla

per  due chitarre, fisarmonica, voce e ballerini

Il tango non è soltanto un genere musicale e un ballo, ma anche una poetica, un’interpretazione musicale, uno stile di vita e un linguaggio corporeo fra partners; originario di Argentina e Uruguay, ai primordi era un’espressione popolare e artistica comprendente musica, danza, testo e canzone.

Il tango nasce alla fine del 1800 e si sviluppa fino ai primi anni venti del secolo passato, affermandosi come musica e danza popolare; in questo periodo è un ibrido di altre specie popolari come il candombe, la milonga, il tango andaluzo, la habanera ed è circoscritto ai gruppi marginali delle città di Buenos Aires e Montevideo. Per questo motivo viene rifiutato dalle classi medie e alte e solo nel 1910, periodo di successo internazionale, il tango verrà accettato per poter poi divenire una moda nei grandi saloni delle capitali europee. La musica del tango ha sempre continuato ad evolversi, negli anni sessanta del novecento nel Tango Nuevo (iniziato da Astor Piazzolla) e, negli ultimi anni, nel tango elettronico.

il tango è un ballo  caratterizzato da eleganza e passionalità ed è costruito nel momento stesso del ballo, attraverso l’improvvisazione e la comunicazione tra i ballerini, nella gestione dello spazio a disposizione.

settembre – ore 21.15 (data da stabilire)

MERCATO DI SANT’AMBROGIO

 “ MUSICA RUSSA PRIMA E DOPO

LA RIVOLUZIONE D’OTTOBRE (1917)”  –  

Nella ricorrenza del centenario

 

Il 1917 rappresentò un anno di cambiamento per le sorti del mondo intero;  nessuno avrebbe mai pensato che la caduta del regime zarista in Russia avrebbe potuto generare il più grande evento rivoluzionario mai verificatosi nel mondo dopo la Rivoluzione Francese.  Nel periodo pre-rivoluzionario, la musica russa, che affondava le sue radici nelle canzoni epiche (le byliny), nelle danze popolari e nei canti della chiesa ortodossa, vide la nascita e l’affermazione, tra il 1861 al 1900, del “Gruppo dei Cinque”, voluto da M.A.Balakirev insieme a Mussorgskij, Rimskij-Korsakov, Borodin, Kjui e Balakirev, che dette luogo alla nascita di una vera e propria scuola nazionale. Le loro composizioni, legate alla sensibilità ed alle aspirazioni popolari, segnarono marcatamente l’evoluzione della musica russa.
Dopo la vittoria della Rivoluzione d’Ottobre si ebbe una vigorosa ventata di rinnovamento, nel tentativo di adeguare ai nuovi contenuti politici e sociali anche l’espressione musicale che fu caratterizzata dall’elaborazione delle nuove ricerche.

PARTNER  2017

  • MUSICA ANTIQUA DEL MAGGIO MUSICALE FIORENTINO
  • TOURING CLUB ITALIANO
  • MUSICANDO ITALIA
  • CONFESERCENTI/A.N.V.A.
  • CONSORZIO DEL MERCATO DI SANT’AMBROGIO
  • CENTRO COMMERCIALE NATURALE DI SAN LORENZO
  • CONSORZIO DEL MERCATO DELLA LOGGIA DEL PORCELLINO